A Sorrento si cercano sponsor per assumere vigili urbani

vigili-urbani

SORRENTO. Più sicurezza nelle città con i vigili urbani pagati dagli sponsor. È l’iniziativa che si sta diffondendo in particolare in alcune località turistiche italiane. E allora perché non importarla anche a Sorrento? È l’orientamento del sindaco Giuseppe Cuomo, che guarda con attenzione a queste novità che consentono ai Comuni di aggirare gli stringenti vincoli di bilancio ed il patto di stabilità.

Ma come funziona? Un esempio che può valere per tutti è quello di Forte dei Marmi, cittadina marittima delle Versilia, una delle prime realtà ad avviare un progetto di questo tipo. Qui il sindaco Bruno Murzi si appresta a firmare i documenti che porteranno all’assunzione con contratti a tempo determinato a carattere stagionale, per il periodo compreso tra i mesi di giugno e settembre, di 20 agenti della polizia municipale che entreranno in servizio ai primi del mese prossimo per potenziare l’organico del corpo dei caschi bianchi della località Toscana.

Le risorse per finanziare l’operazione arrivano direttamente dalle sponsorizzazioni. Si sono mosse associazioni di albergatori, commercianti, titolari degli stabilimenti balneari, perfino chi gestisce un banco al mercato cittadino. Con loro anche tanti cittadini comuni e turisti che hanno contribuito per raggiungere l’obiettivo. A tale proposito il sindaco Murzi ha avviato una raccolta fondi aprendo un conto corrente dedicato. Questa sorta di crowdfunding in meno di 4 mesi ha consentito di mettere insieme la ragguardevole cifra di 160mila euro, la somma necessaria per garantire l’entrata in servizio dei 20 caschi bianchi.

Anche Firenze si prepara ad avviare una procedura analoga. Il sindaco Dario Nardella, infatti, ha annunciato che la Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze è pronta a sborsare i 125mila euro che saranno investiti per finanziare l’assunzione di 16 caschi bianchi per sei mesi.

Operazioni rese possibili da quanto stabilisce il decreto legge 50/2017, ossia la manovra correttiva dei conti varata nell’aprile dello scorso anno, che consente agli sponsor di contribuire per la “fornitura di servizi aggiuntivi rispetto a quelli ordinari, di servizi pubblici non essenziali o di prestazioni verso terzi paganti”.

Ed allora perché non approfittarne anche a Sorrento? Cuomo starebbe già sondando il terreno con le associazioni presenti sul territorio, in primis albergatori, ristoratori e commercianti. L’obiettivo è di valutare la possibilità di mettere insieme le risorse utili a potenziare, almeno per il periodo estivo, il corpo della polizia municipale, attualmente composto da 28 unità a tempo pieno alle quali si aggiungono 3 ispettori ed il comandante Antonio Marcia, oltre ad una ventina di stagionali che saranno assunti nelle prossime settimane grazie ai proventi delle contravvenzioni.

Motivo? Semplice. Garantire più sicurezza lungo le strade e maggiore vigilanza del territorio assicura più vivibilità per i 17mila residenti ed anche per i circa tre milioni di turisti che scelgono Sorrento per le loro vacanze. Una volta accertata la disponibilità degli operatori si passerà a valutare se movimenti, associazioni ed anche i singoli cittadini siano d’accordo a contribuire. Ritornando a Forte dei Marmi, infatti, il sindaco Murzi ha spiegato che c’è stato chi ha versato sul conto corrente dedicato pochi euro, così come chi ne ha messi anche quattromila. Per dirla con il grande Totò: “È la somma che fa il totale”.