Capri Watch fashion & Accessories

A Sorrento niente sanzioni per le occupazioni di suolo pubblico oltre i limiti

turisti-sorrento-1

Niente sanzioni per chi non rispetta i limiti delle occupazioni di suolo pubblico. Lo ha stabilito ieri il sindaco di Sorrento, Giuseppe Cuomo, varando un’apposita ordinanza. Un modo per sostenere le attività commerciali del territorio garantendo più spazi da destinare alla clientela. Già nelle scorse settimane, seguendo le direttive impartite dal governo nazionale per il rilancio dell’economia, la Giunta municipale della città del Tasso ha approvato una delibera che garantisce l’utilizzo gratuito del suolo pubblico, oltre che a bar e ristoranti, anche agli esercizi di vicinato e laboratori artigianali.

“Ora come ulteriore sostegno per tali attività – spiega il primo cittadino di Sorrento nell’ordinanza emanata ieri – si ritiene opportuno di non applicare per tutto l’anno 2020 i provvedimenti sanzionatori previsti dall’art 3 comma 16 della Legge 94/2009 adottati con l’ordinanza sindacale numero161 del 2017”. In pratica ciò significa che fino al prossimo 31 dicembre scatta la sospensione della precedente disposizione sindacale in base alla quale venivano applicate le sanzioni in caso di occupazione abusiva di aree pubbliche. Maggiore spazio, dunque, per bar, ristoranti e locali dove sistemare tavolini all’aperto ed anche per le altre attività per collocare espositori utili a pubblicizzare e mettere in vendita i propri prodotti.

turisti-sorrento

Un provvedimento che arriva proprio nel momento in cui Sorrento e dintorni danno forti segnali di ripresa. Il fine settimana del Ferragosto, infatti, fa segnare numeri pre-covid come presenze turistiche. Nella maggior parte delle strutture ricettive della zona si registra il sold out. Numeri incoraggianti che, però, si riferiscono esclusivamente al periodo a cavallo del Ferragosto.

“Di sicuro in questi giorni si vedono molti turisti in giro – conferma Costanzo Iaccarino presidente di Federalberghi Campania e Penisola Sorrentina – però è un fenomeno limitato al weekend in corso ed a parte della prossima settimana. Inoltre bisogna tener conto del fatto che in Costiera ci sono una ventina di alberghi che non hanno proprio riaperto”.

Discorso analogo vale per le attività extralberghiere. “In questi giorni rileviamo una forte richiesta last minute e concentrata in poche notti – evidenzia Sergio Fedele presidente di Atex Campania -. Prenotazioni che fanno segnare il tutto esaurito durante il periodo di Ferragosto e per la prossima settimana. Però si tratta di risultati limitati nel tempo visto che non andiamo oltre la fine del mese, senza dimenticare che i prezzi sono più bassi rispetto agli anni scorsi”.

Lo stesso Fedele esprime preoccupazione anche sul fronte della sicurezza. “Molte prenotazioni concentrate in pochi giorni mettono in apprensione gli operatori – chiarisce il presidente di Atex – anche in considerazione dell’aumento del numero dei contagi che si registra un po’ ovunque”.

In effetti passeggiando per le strade di Sorrento si vedono in giro migliaia di persone e quelle che indossano la mascherina rappresentano una minima percentuale. È vero che in base alle disposizioni attualmente in vigore all’aperto i dispositivi di protezione individuale non sono obbligatori, ma certo è che le grandi concentrazioni di persone raccomanderebbero maggiori precauzioni. A sconcertare di più è anche il fatto che sono soprattutto i turisti stranieri che non utilizzano la mascherina.