A processo l’anziano accusato di violenza su un ragazzino

bimbo-molestato

META. Sarà giudicato con rito abbreviato il 76enne di Piano di Sorrento accusato di molestie sessuali ai danni di un ragazzino di 11 anni (che ora ne ha 14) di Meta. Il Gip del Tribunale di Torre Annunziata, Antonio Fiorentino, ha accolto l’istanza presentata dagli avvocati dell’uomo che da febbraio scorso si trova agli arresti domiciliari nella sua abitazione con la pesante accusa di violenza sessuale aggravata. In questo modo l’anziano potrà beneficiare dello sconto di un terzo della pena.

Il pm che si occupa della brutta vicenda, Mariangela Magariello, aveva, invece, chiesto il giudizio immediato ritenendo le prove raccolte sufficientemente evidenti per giungere ad un verdetto di colpevolezza. Ora l’udienza decisiva è in programma il prossimo 29 ottobre davanti al giudice Giovanni De Angelis. Nella stessa occasione il magistrato valuterà le richieste dei genitori della vittima, che si sono costituiti parte civile per ottenere il risarcimento dei danni subiti dal ragazzino.

L’uomo è stato arrestato ai primi di febbraio dai carabinieri di Piano di Sorrento. La vicenda risale a tre anni fa, quando l’anziano chiede ad una conoscente di presentargli un bambino disposto a fargli compagnia. La donna gli fa conoscere l’allora 11enne. I due cominciano a trascorrere sempre più tempo insieme fino a quando il 76enne non comincia ad abusare del ragazzino. Poi la denuncia dei genitori, le indagini e l’arresto dell’uomo.