A Piano di Sorrento gli incontri della rassegna “Tracce”

manifesto-tracce

PIANO DI SORRENTO. Con il 2016 la rassegna “Tracce”, organizzata dal Comune, giunge alla sua sesta edizione ed offre ai presenti trasversali percorsi d’arte, storia, musica e filosofia condotti da esperti e completamente gratuiti. Dopo il primo incontro dello scorso 22 gennaio dove il professor Elio Angrilli ha relazionato sul tema “All’idea di quel metallo: concezioni e teoria della moneta”, il ciclo di eventi riprende, come sempre di venerdì alle ore 18 presso il centro culturale di via delle Rose, nei locali sottostanti la biblioteca comunale.

Il prossimo appuntamento si terrà il 5 febbraio e vedrà protagonista Maurizio Cambi, insegnante di Storia della filosofia presso l’Università degli Studi di Salerno. “Le avventure di Ippocrate” è il titolo di un intervento che delineerà, tra storia e leggenda, il profilo del fondatore della scienza medica. A seguire, il 19 febbraio, sarà Paola Gargiulo, già docente di Storia dell’arte presso il liceo scientifico Salvemini di Sorrento, ora funzionario pubblico, a proporre una riflessione sul tema “C’era una volta: l’architettura delle cupole” durante la quale, attraverso la storia di noti edifici voltati, si proporrà la conoscenza, tra valori simbolici e problemi costruttivi, di una forma emblematica dell’architettura, quale la cupola.

Anche per il mese di marzo sono previsti due appuntamenti. Venerdì 4, Enzo Puglia, docente di latino e greco presso il liceo classico Marone di Meta e autore di saggi papirologici e filologici, con l’incontro intitolato “Parole d’amore sui muri vesuviani” parlerà di alcune scritte sulle pareti antiche di Pompei e di Stabia, in prosa e in versi, di contenuto amoroso. Nel corso della conferenza saranno illustrati anche graffiti pubblicati di recente di cui si proporranno interpretazioni nuove. Il 18 marzo Eduardo Lauritano, già docente di storia e filosofia al liceo classico Marone, porterà all’attenzione dei partecipanti “E. Husserl: la crisi dell’umanità europea” dove saranno analizzate le ossessioni del vecchio Husserl, in riferimento alla situazione tragica dell’Europa nella prima metà del Novecento e al nuovo ruolo che dovrebbe assumere la filosofia.

Il penultimo incontro, venerdì 1 aprile, sul tema “Ricerca storica e i vangeli sinottici” sarà condotto da Vincenzo Russo, studioso ed ex docente di storia e filosofia dell’istituto classico di Meta, e verterà sugli autori, le fonti e i tempi di redazione dei vangeli sinottici, visti come espressione di vita e di fede delle comunità cristiane delle origini. Infine l’8 aprile Marco Russo, insegnante di filosofia e storia in istituti superiori, proporrà “Nel segno della madre”, un itinerario del “pensiero materno” attraverso antropologia, arte, filosofia, letteratura e poesia.