A Massa Lubrense via libera alle tariffe fisse per i taxi, si risparmiano anche 700 euro

taxi-generico

MASSA LUBRENSE. Arrivano le tariffe predeterminate per la mobilità in taxi. L’amministrazione comunale di Massa Lubrense ha dato il via libera al provvedimento teso ad incentivare l’uso delle del servizio pubblico auto di piazza da parte di residenti e turisti. L’iniziativa, attuata su proposta della categoria dei tassisti locali, è stata accolta favorevolmente dall’assessore alle Attività produttive, il vice sindaco Giovanna Staiano, che l’ha portata in Giunta.

I prezzi forfettari si riferiscono ai transfer più utilizzati dalla clientela. Si pagheranno così 30 euro da Massa centro o Sant’Agata per Sorrento e Marina del Cantone. Dagli stessi punti di partenza per andare a Napoli la tariffa aumenta a 100 euro, lievitando fino a 360 euro per Roma. Si pagano 60 euro per Pompei e Positano (ma se si vuole visitare gli scavi e poi tornare indietro il costo raddoppia). Il tour della costiera amalfitana, infine, comporta una spesa di 250 euro.

Per tutte le tariffe è stato fatto un parallelo con le stesse tratte coperte, però, con l’uso del tassametro. Si va dai pochi spiccioli di differenza fino addirittura ai 750 euro di risparmio se si intende raggiungere Roma (in questo caso con tassametro la tariffa sarebbe di circa 1.100 euro).