Capri Watch fashion & Accessories

A Massa Lubrense un incontro sulle barriere architettoniche in penisola sorrentina

barriere-architettoniche-11

MASSA LUBRENSE. Si svolgerà nella sala consiliare del Comune di Massa Lubrense, domani giovedì 28 dalle ore 15:30, l’incontro del ciclo di seminari sul sociale organizzato dal tavolo di concertazione del Piano sociale di zona e dal Centro servizi per il volontariato di Napoli. Dopo gli incontri di Sorrento, Vico Equense, Piano, Meta e Sant’Agnello si parlerà di barriere architettoniche, ma non solo.

Dopo i saluti istituzionali del sindaco Lorenzo Balducelli, dell’assessore alle politiche sociali Giovanna Staiano e di Angelica Gargiulo, componente del cda dell’Azienda speciale consortile per i servizi alla persona della Penisola Sorrentina, si confronteranno best practices locali e napoletane, con rappresentanti dell’associazione psicologi e del mondo dei sindacati.

Francesca Esposito interverrà nel racconto del progetto Spiaggia Superabile, per l’abbattimento delle barriere nell’accesso al mare della costiera. Emanuele Adiletta, vice coordinatore nazionale del Movimento Italiano Giovani Disabili, parlerà della sua esperienza e del suo impegno da psicologo. Seguirà un videomessaggio da parte di Alessia De Filippo, attivista sociale affetta da sla.

Luigi Milano, più noto come Luigi Casablanca, racconterà dell’impegno che da tempo sta conducendo l’associazione Sorrento Senza Barriere, per l’abbattimento delle barriere architettoniche presso gli edifici pubblici nei comuni sorrentini. La voce degli psicologi sarà portata da Sharon Iaccarino e Sabina Garofalo, mentre la tutela dell’accesso al lavoro sarà illustrata da Filippo Sica e Luigia Di Luberto.

“Abbiamo voluto intendere le barriere non solo come quelle visibili – dichiara Michele Vitiello, presidente del tavolo di concertazione -. La nostra penisola è piena di barriere architettoniche, ma purtroppo la diversabilità comporta anche altre tipologie di barriere, spesso poco visibili, che ostacolano il raggiungimento della piena inclusione sociale. Crediamo che parlarne, raccontare di chi è riuscito a superarle, o di chi sul nostro territorio ci sta provando, faccia bene a tutti. Continueremo a combattere accanto a loro per l’affermazione di pari diritti”.