A Massa Lubrense si ricorda don Angelo Grieco

locandina-don-angelo-grieco

A Massa Lubrense, martedì 21 giugno si terrà un interessante avvenimento: si ricorderà la figura del canonico e teologo don Angelo Grieco in occasione del centenario della nascita, con una concelebrazione eucaristica presieduta dall’arcivescovo di Sorrento-Castellammare di Stabia, monsignor Francesco Alfano e l’apertura di una mostra documentaria sull’indimenticato sacerdote.

Al termine della funzione liturgica, nell’Oratorio dell’Arciconfraternita Morte ed Orazione detta del Purgatorio, attiguo all’ex-Cattedrale, verrà inaugurata la mostra dal titolo “Don Angelo Grieco, 1916-2016. Un sacerdote tutto d’un pezzo”, allestita dall’Archeoclub lubrense con la collaborazione dei volontari del Servizio Civile Nazionale Francesco Foti, Gennaro Galano, Lisa Cacace e Valeria d’Antuono.

La mostra rimarrà aperta al pubblico fino al 16 luglio e sarà visitabile il venerdì e il sabato dalle 18 alle 20 e la domenica sia di mattina che di pomeriggio. Rappresenta questa un’occasione, per i cittadini di Massa Lubrense e non solo, di fermarsi e ricordare uno spaccato storico-religioso che ha caratterizzato la vita di quanti, per vari motivi, conobbero, apprezzarono ed amarono don Angelo.

Passando in rassegna fotografie d’epoca, paramenti sacri, documenti, spartiti e cimeli vari, il visitatore potrà così ricordare la figura del sacerdote, che è stato anche teologo, amante della musica, prima parroco di Monticchio e in seguito rettore della chiesa di Santa Maria della Misericordia, fondatore e direttore del Coro del Miserere della processione del Venerdì Santo. Di carattere schietto e diretto, rappresentò una figura eccelsa di religiosità e abnegazione, soprattutto negli ultimi anni della sua vita, quando continuò a donare se stesso alla comunità nonostante l’incipiente malattia.

Le iniziative, promosse da don Francesco Saverio Casa e dal comitato organizzatore dell’evento, sono state accolte con entusiasmo dall’Arcidiocesi Sorrento/Castellammare di Stabia, dal Comune di Massa Lubrense, dall’Arciconfraternita Morte e Orazione, dalla Pro Loco e dall’Archeoclub di Massa Lubrense.