A Massa Lubrense convegno sulla semplificazione amministrativa

municipiomassa-piccola

MASSA LUBRENSE. Prima il Codice per l’amministrazione digitale, poi il Piano di informatizzazione hanno dato una forte spinta alla modernizzazione e semplificazione della pubblica amministrazione italiana. A tutto questo vanno ad aggiungersi le regole tecniche contenute nel Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 13 novembre 2014 che impongono alle pubbliche amministrazioni di adeguare i sistemi di gestione informatica dei documenti entro il 12 agosto 2016.

La pubblica amministrazione italiana sta attraversando un importante momento di cambiamento, caratterizzato dalla necessità di adottare sportelli polifunzionali telematici che permettono di migliorare il proprio metodo di lavoro e semplificare i rapporti con il cittadino in tutti i settori dell’ente. Con gli sportelli telematici è, infatti, possibile trovare tutte le informazioni necessarie per ciascuna istanza, compilare la propria pratica online e inviarla a qualunque ora del giorno, senza presentarsi personalmente in Comune.

Dati ed esperienze alla mano, il giorno 22 giugno, alle ore 8:30, presso la Sala delle Sirene, sarà illustrata la trasformazione del Comune di Massa Lubrense nell’area tecnica pienamente aderente alle nuove disposizioni normative.

“Con l’insediamento di questa amministrazione fanno sapere dal Comune – sono state condivise le iniziative degli uffici Sue e Suap ed in collaborazione con la Gemmlab srl ed AeG spa, l’amministrazione comunale ha iniziato un processo di rinnovamento di attrezzature e sistemi operativi per la digitalizzazione dei procedimenti edilizi e produttivi mediante anche un’integrazione delle banche dati.

Si punta, dunque, ad ottenere l’automazione della gestione dei procedimenti dell’area tecnica con la digitalizzazione delle istanze; l’adozione di soluzioni con componenti geografiche per il pieno governo del territorio; l’attivazione di sportelli telematici per il dialogo con i cittadini e professionisti del territorio in logica puramente digitale”.