A due settimane dalla scadenza per la presentazione delle liste i candidati a sindaco si confrontano su urbanistica ed abusivismo edilizio

SANT’AGNELLO. Mentre si definiscono gli ultimi dettagli per la formazione delle squadre che correranno per la guida della città, tra i quattro aspiranti sindaci si apre il confronto su come affrontare il problema dell’abusivismo edilizio e pianificare lo sviluppo urbanistico.

 

Per il sindaco uscente, Gian Michele Orlando, la ricetta è quella dell’approvazione del Piano urbanistico comunale “che consenta di mettere in sicurezza gli immobili esistenti e di costruire nuovi alloggi per le famiglie, senza consumare ulteriormente il territorio”. Per la salvaguardia dell’ambiente Orlando lancia anche un’ulteriore proposta: “Offrire la possibilità ai turisti di parcheggiare le auto nelle varie aree di sosta di Sant’Agnello dove potranno noleggiare biciclette elettriche per fare il tour della costiera”.

Tornando al discorso dell’abusivismo, argomento di primaria importanza per tanti nuclei familiari, il candidato della lista “Sant’Agnello prima di tutto”, Piergiorgio Sagristani, sposa la linea delle acquisizioni al patrimonio comunale: “D’intesa con la procura di Torre Annunziata – dice l’assessore provinciale al Turismo – , intendiamo dare piena attuazione al protocollo d’intesa sottoscritto dai Comuni della penisola sorrentina, per poi stipulare un patto col territorio”. Sagristani, inoltre, si ripropone di velocizzare le procedure per la definizione delle pratiche di condono edilizio pendenti e l’istituzione di un’anagrafe urbanistica della città per censire le aree urbanizzate e monitorarne i mutamenti ogni sei mesi, d’intesa con le associazioni ambientaliste.

Più tollerante la posizione di Rosario Salerno, segretario nazionale dei Cristiano Democratici, per la cui lista correrà anche il rettore della chiesa di San Biagio, don Nicola De Maria. “La risposta al problema dev’essere politica e non può essere lasciata alla magistratura – sottolinea Salerno -. Bisogna distinguere tra immobili realizzati a fini speculativi, per cui non può esserci altro che l’abbattimento ed abusi di necessità, per i quali la politica deve trovare soluzioni che tengano conto del diritto alla casa”.

Il leader di “Forza Sant’Agnello”, Salvatore Siviero, infine, si schiera apertamente “contro la realizzazione di nuovi parcheggi ed ulteriori devastazioni del territorio cittadino”.

Il confronto, insomma, entra nel vivo su una delle questioni che maggiormente stanno a cuore all’opinione pubblica. Per capire quale sarà considerata la ricetta migliore dai cittadini, bisognerà attendere il responso delle urne.